Il mondo del gaming, un fenomeno di tutto il mondo

In tutto il mondo ormai si parla un linguaggio comune, un linguaggio capace di accomunare persone di tutte le fasce di età, di ogni etnia e di ogni classe sociale. È un modus vivendi completamente nuovo rispetto a quello che era possibile ipotizzare qualche decennio fa ma intanto la tecnologia va avanti e con esso la società che inesorabilmente si deve adeguare: stiamo parlando del gaming, ovvero il mondo videoludico, che appassiona grandi e piccini di tutto il mondo. Di giochi ce ne sono tantissimi e di tutte le tipologie: esistono i giochi di avventura, di sport (di calcio in particolar modo), horror e anche quelli più ‘dolci’ e quindi riservati per un pubblico più giovane. Ma un gioco su tutti, negli ultimi anni, ha sbaragliato la concorrenza: Grand Theft Auto, meglio conosciuto come GTA che ha un posto assoluto nell’élite del mondo virtuale.

Che gioco è GTA

Grand Theft Auto è un gioco di action-adventure che viene vissuto in terza persona e permette di giocare su un open world nel tentativo di avere un posto di rilievo nel mondo della malavita. Giunti ormai al quinto capitolo di una saga che si supponga non possa avere mai fine è giusto fare qualche precisazione per cercar di esprimere quanto meglio sia possibile il ‘piacere’ di giocarci.
Il mondo della trasgressione ha sempre invogliato l’uomo a maggior ragione se lo si può fare in un videogioco senza alcun limite: alcol, sesso, omicidi e inseguimenti forsennati con la polizia. Si possono rubare automobili, rubare aerei, distruggere locali e perfino fare a pungi con i singoli cittadini. Insomma di tutto e di più e se aggiungiamo che in GTA 5 le missioni dei buon Travor, Micheal e Franklin riescono a creare anche suspence, beh, il piatto completo è servito.

Una piccola considerazione

I temi che vengono affrontati all’interno di questo gioco non sono sicuramente tra i più educativi pertanto è altamente sconsigliato far avvicinare a questo mondo ragazzi troppo giovani. Attenzione nessuna morale la nostra anche perché vi suggeriamo vivamente di giocarci ma oggettivamente parlando qualche precauzione va presa: non tanto per le scene inerenti a omicidi o quant’altro (tanto ormai accedendo la tv si vede di tutto e di più) bensì quanto temi delicati come la prostituzione o lo spaccio di droga devono esser presi giustamente con le pinze.
Detto ciò non rimane molto da aggiungere: acquistate il gioco, mettetevi accanto una bella birra fredda e godetevi l’immenso spettacolo.